La Risonanza NON è una MEDICINA: con l'artrosi NON SERVE a NIENTE

risonanza-fill-1200x450 La Risonanza NON è una MEDICINA: con l'artrosi NON SERVE a NIENTE | Casali Fisiatra

Ormai è una consuetudine: chi ha un problema cronico alla schiena o in una stazione articolare qualsiasi di sostegno, dal piede in su, si presenta sempre con una Risonanza recente..

Perchè spesso le Risonanze sono più di una ed hanno sempre accompagnato il paziente nei suoi vari pellegrinaggi specialistici.

La Risonanza è uno splendido esame di "imaging", ovvero si tratta di immagini che descrivono minuziosamente, tagliandola a fettine sottili, una struttura anatomica che si vuole studiare, indagare.

Ma serve solo ed esclusivamente quando il quadro clinico orienta verso problemi seri: tumore o lesione irreversibile delle strutture nervose che permettono il movimento (paralisi persistente).

Se il quadro clinico è solo degenerativo (artrosi), la Risonanza non serve, anzi complica le idee perchè permette voli pindarici diagnostici che erroneamente suffragano, sostengono, stimolano comportamenti specialistici aggressivi (chirurgia) che il paziente non è in grado di valutare e che accetta di buon cuore, convinto com'è della presunta gravità della sua patologia.

La vecchia Radiografia basta e avanza, libera il campo da sospetti di tumore e fornisce tutti i dettagli possibili per capire come stanno le cartilagini articolari e i menischi, come stanno i dischi (deformati, schiacciati--->ernie) e come stanno le vertebre ( spostate----> rischio di paralisi!).

Chiedete sempre una Radiografia al vostro Medico di Medicina Generale (MMG--->medico di famiglia) e affidatevi a lui per sapere la causa del vostro dolore cronico articolare: se è un problema posturale la riabilitazione è sicuramente più utile di ogni intervento sintomatico che il mercato sanitario vi offre.

La riabilitazione posturale è complessa, vuole un minimo impegno motorio giornaliero, ma può farvi apprezzare di nuovo la vita.